#AgilePgM: Agile Programme Management – Parte 3 – I principi di Agile Programme Management

Come i vari framework e le best practice tipiche di Agile e di Management, anche Agile Project Management si basa su una serie di principi. I principi di Agile Programme Management sono fondamentali  quando si adatta il framework alla propria struttura di gestione dei programmi. Dalla loro applicazione dipende il successo dell’applicazione di Agile Programme Management

dt090523_the_stragegy

Principio 1 di Agile Programme Management – I Programme goal sono allineati  alla strategia di Business chiaramente e di continuo

Un programma deve avere una sua visione che però deve essere allineata alla strategia del business dell’organizzazione. Tale visione deve essere  sin dal momento della definizione del programma e quindi utilizzata in ogni qualvolta bisogna prendere una decisione relativa al programma. Quindi ad ogni cambiamento della strategia di Business, ogni volta che una Capability viene abilitata, utilizzata e conclusa, come anche alla chiusura del programma.

Principio 2 di Agile Programme Management – I benefici si realizzano in maniera incrementale e al più presto possibile

Un programma, per essere agile, deve focalizzarsi nell’abilitare in maniera incrementale le capabilty e quindi a ottenere i benefici in maniera progressiva. I benefici devono essere prioritizzati e realizzati al più presto possibile. Questo permette di imparare e adattarsi in base al feedback ottenuto dai vari rilasci.

Principio 3 di Agile Programme Management – La Governance si focalizza nel creare una capability coerente

Tendenzialmente i programmi sono composti da una serie di progetti. Essendo in un contesto Agile è importante che questi progetti siano il più possibile autonomi senza un eccessivo intervento da parte del livello di programma. I progetti devono comunque essere strutturati per adattarsi e abbracciare il cambiamento, anche quando questo viene portato dal livello più alto.

Principio 4 di Agile Programme Management – Il potere decisionale è delegato al livello più basso possibile

Nei contesti Agili le decisione devono essere prese velocemente e in maniera efficiente. Inoltre le decisioni si basano sul concetto di dare potere decisionale ai team che si occupano di consegnare i prodotti che compongono i progetti. Pertanto è importante che il potere decisionale sia delegato al livello più basso possibile. Per alcuni cambiamenti ai requisiti di alto livello, p.e. i goal di programma,  è bene che se ne occupi il Programme Board (Comitato di Programma) ma per altri requisiti i Team possono operare in autonomia.

Da questo principio scaturisce l’importanza della comunicazione della Governance di programma e quindi l’importanza di ingaggiare – e non solo gestire – le varie parti interessate (stakeholder).

Principio 5 di Agile Programme Management – I programmi sono Agili e hanno l’abilità di contenere sia Progetti Agili che non

Un Programma Agile deve essere strutturato per poter gestire anche i progetti che non utilizzano un approccio Agile come quello Waterfall – o “a cascata”. In ogni caso è bene che anche i progetti non agili considerino in particolari il principio 4 e il principio 5.

This entry was posted in Agile Programme Management, AgilePgM, DSDM and tagged , , , by Simone Onofri. Bookmark the permalink.

About Simone Onofri

Sono un Senior IT Security Consultant e Project Manager con più di 13 anni di esperienza in ambito IT. Lavoro principalmente su progetti di Penetration Test/Ethical Hacking e Digital Investigation/Incident Response. Sono inoltre un Director del DSDM® Consortium.Sono inoltre impegnato in associazioni e gruppi sul Web e Sicurezza come ICAA, ISECOM, IWA, OWASP, UNI, UNINFO, W3C e WASC.Sono APMG Accredited Trainer per PRINCE2, Trained LEGO® Serious Play® Facilitator, PRINCE2® Practitioner, Agile Project Management® Practitioner (DSDM), Facilitation Practitioner, Certified ScrumMaster, ITIL®v3 Service Operations, ISO27001 Practitioner. Ho inoltre qualifiche su COBIT5® e P3O®.