#AgilePgM: Agile Programme Management – Parte 9 – Il processo di Capability Enablement

All’interno della fase di Capability Evolution in Agile Programme Management sono presenti due processi che – attraverso una serie di iterazioni in parallelo – si completano l’un l’altro e fanno evolvere la capability, cioè l’abilità o la capacità dell’organizzazione di rilasciare i benefici che si ottiene attraverso processi di business, persone, asset fisici e informazioni.

dt131024_capability

Il processo di Cability Enablement

E’ il processo che si occupa di creare, sviluppare e quindi abilitare le capability della trance specifica, quindi le attività necessarie alla preparazione e all’esecuzione dei progetti correlati, l’abilitazione e di un elemento fondamentale, la retrospettiva.

Preparare lo sviluppo della capability e l’abilitazione

La prima componente del processo di Cability Enablement è la preparazione (prepare for capabiity development and enablement). In questa componente viene preso in considerazione il piano della trance focalizzandosi su tutti quegli aspetti di gestione ed engagement degli stakeholders e la relativa comunicazione, sia interni che esterni al progetto. E’ in questo processo che vengono identificati i componenti del team di progetto e il project manager.

Eseguire i progetti

La seconda componente del processo di Cability Enablement è l’esecuzione (Execute the projects). In questa componente vengono eseguiti i progetti. Lo scopo dei progetti è quello di rilasciare degli output – quindi dei prodotti specialistici – necessari per generare la capacità e quindi i benefici. E’ possibile, in particolare in un contesto di cambiamento. Che ad un certo punto dei vari progetti si identifichino nuovi progetti utili allo scopo e questo genera quindi una revisione dei piani attuali per ottenere al meglio di benefici.

Abilitare le capability

La terza componente del processo di Capability Enablement è l’abilitazione (Enable the capabilities). In questa componente vengono svolte quelle attività che hanno lo scopo di consilidare gli output dei progetti, cambiare o sviluppare nuovi processi per integrare nel “business as usual” – o normale amministrazione – i nuovi output – e quindi spingere l’organizzazione al cambiamento.

Retrospettiva

La quarta componente del processo di Capability Ebablement è la retrospettiva (retrospective). In questa componente si fa una revisione di quanto è stato fatto e si raccoglie il feedback per aggiornare il piano della trance (Trance Plan), per esempio se sono stati identificati nuovi progetti o se alcuni non sono più necessari. Nella retrospettiva si può anche decidere che si può concludere, anche in maniera anticipata, la trance stessa e quindi passare direttamente alla Trance Review.

Copyright

DSDM®, Atern® e Agile Programme Management™ sono marchi registrati da Dynamic Systems Development Method Limited.

This entry was posted in Agile Programme Management and tagged , , by Simone Onofri. Bookmark the permalink.

About Simone Onofri

Sono un Senior IT Security Consultant e Project Manager con più di 13 anni di esperienza in ambito IT. Lavoro principalmente su progetti di Penetration Test/Ethical Hacking e Digital Investigation/Incident Response. Sono inoltre un Director del DSDM® Consortium.Sono inoltre impegnato in associazioni e gruppi sul Web e Sicurezza come ICAA, ISECOM, IWA, OWASP, UNI, UNINFO, W3C e WASC.Sono APMG Accredited Trainer per PRINCE2, Trained LEGO® Serious Play® Facilitator, PRINCE2® Practitioner, Agile Project Management® Practitioner (DSDM), Facilitation Practitioner, Certified ScrumMaster, ITIL®v3 Service Operations, ISO27001 Practitioner. Ho inoltre qualifiche su COBIT5® e P3O®.