#Scrum – Integrare Scrum e Agile Project Management (#AgilePM) – Il ciclo di vita di AgilePM

Il processo di Agile Project Management si può rappresentare come un automa a stati finiti sul quale si configura il ciclo di vita del progetto stesso. Essendo un ciclo di vita “completo” prevede al suo interno anche le fasi di pre-progetto e quelle di post-progetto. Al contrario di Scrum, si parte da una serie di analisi di fattibilità e di definizione di fondamenta per lo sviluppo (su cui si può tornare) e poi ci sono delle fasi di sviluppo evolutivo con una serie di tecniche iterative/incrementali all’interno di timebox e/o incrementi di prodotto. Prevede inoltre una fase specifica di deployment nella quale ci si occupa di portare l’incremento della soluzione in ambiente operativo. Tipicamente si mette in produzione un incremento della soluzione quando prima, così da rilasciare benefici. E’ importante notare che AgilePM non è prescrittivo, quindi la scelta se fare o meno una determinata fase, la sua durata, il livello di formalità sono a totale discernimento del Team di Progetto, pertanto una fase può anche “vivere” la durata di una telefonata.

dt120107

agile_project_framework_lifecycle

La fase di Feasibility di Agile Project Management

  • Obiettivi: capire se il progetto è fattibile da una prospettiva tecnica e conveniente da una prospettiva di business.
  • Inizia: arrivano le Terms of Reference (ToR) dal Pre-project
  • Fine: viene prodotto il Feasibility Assessment che contiene solitamente  il Business Case (BC) e la Prioritized Requirements List (PRL) di alto livello e in bozza.

La fase di Foundations di Agile Project Management

  • Obiettivi: comprendere – ma non dettagliare – le fondamenta tecniche e di business per il progetto: come, quando e da chi. Si definisce la configurazione del ciclo di vita.
  • Inizia: dal Feasibility Study o in generale da un’altra fase qualora necessario.
  • Fine: produzione del Foundation Summary, un raffinamento del Feasibility Assessmen.

La fase di Evolutionary Development di Agile Project Management

  • Obiettivi: sviluppare ed evolvere la soluzione utilizzando le varie tecniche secondo quando definito della PRL e il BC.
  • Inizia: dal Foundation Summary, un altro Development, un Deployment.
  • Fine: produzione di un Solution Increment e Timebox Review Record.

La fase di Deployment di Agile Project Management

  • Obiettivi: portare la soluzione ad un utilizzo operativo. Può essere la soluzione finale o una sua parte. Si struttura in Assemble (preparazione), Review (accettazione da chi si occuperà dell’operatività) e Deploy (messa in produzione).
  • Inizia: dopo un Development.
  • Fine: quando il Solution Incrementp diventa parte della Deployed Solutionp e ne viene tenuta traccia nel Project Review Recordm.
This entry was posted in Uncategorized by Simone Onofri. Bookmark the permalink.

About Simone Onofri

Sono un Senior IT Security Consultant e Project Manager con più di 13 anni di esperienza in ambito IT. Lavoro principalmente su progetti di Penetration Test/Ethical Hacking e Digital Investigation/Incident Response. Sono inoltre un Director del DSDM® Consortium.Sono inoltre impegnato in associazioni e gruppi sul Web e Sicurezza come ICAA, ISECOM, IWA, OWASP, UNI, UNINFO, W3C e WASC.Sono APMG Accredited Trainer per PRINCE2, Trained LEGO® Serious Play® Facilitator, PRINCE2® Practitioner, Agile Project Management® Practitioner (DSDM), Facilitation Practitioner, Certified ScrumMaster, ITIL®v3 Service Operations, ISO27001 Practitioner. Ho inoltre qualifiche su COBIT5® e P3O®.