#Scrum – Integrare Scrum e Agile Project Management (#AgilePM) – Perchè è utile integrare Scrum?

Scrum è un framework di prodotto e, nella sua semplicità, molto difficile da applicare. In generale, se essere Agili è una questione di buon senso, come indica Steve Messenger, Chairman del DSDM Consortium, anche se spesso “non usiamo il buon senso quando siamo agili”. Quindi una delle più grandi  sfide di Agile è quello di sviluppare un prodotto con Agilità quando il resto dell’organizzazione non è Agile o comunque dove le varie funzioni di business e di supporto sono invece strutturate per un contesto più tradizionale o waterfall. In questo scenario l’utilizzo di Scrum senza integrazione non è solo difficile, ma spesso può comportare problemi. Pertanto è possibile utilizzare l’Agile Project Framework e l’Agile Project Management in combinazione con Scrum per ottenere il massimo da entrambi i framework e supportare l’integrazione di un mindset Agile.

dt050324

Anzitutto tramite l’Agile Project Framework e Agile Project Management è possibile dare un contesto di “Progetto” e quindi di più facile integrazione se l’organizzazione utilizza Programmi e Portafogli. Supportando lo sviluppo con una Governance snella e appropriata anche per quel che riguarda gli aspetti finanziari, regolamentazioni e così via. Anche se questi aspetti non strettamente legati allo sviluppo posso sembrare strani se non inutili ad uno sviluppatore, sono in realtà molto importanti per il successo del prodotto ed è bene che se ne occupi qualcuno, anche se non il Team di Sviluppo. Per questo sono previsti ulteriori ruoli relativi al business, allo sviluppo di sistemi oltre che quelli di Governance. L’Agile Project Framework e Agile Project Management possono inotlre fornire una serie di tecniche e prassi per la consegna nei tempi e nel budget, oltre ad altri strumenti utili a tenere focalizzato il Team di Sviluppo sull’obiettivo.

L’integrazione è utile per i diversi ruoli. Per esempio supporta Product Owner a vivere all’interno della struttura dell’organizzazione e a focalizzarsi sulle necessità di business. Al Product Owner facilita ad influenzare le decisioni di Business e quindi l’ottilizzazione delle performance dello Scrum Team.

Infine può essere utile per creare un luogo di discussione per far incontrare il contesto di protto con quegli altri aspetti non propriamente di prodotto come per esempio le attività di Cambiamento a livello di Business.

This entry was posted in Agile Project Management, AgilePM, Scrum by Simone Onofri. Bookmark the permalink.

About Simone Onofri

Sono un Senior IT Security Consultant e Project Manager con più di 13 anni di esperienza in ambito IT. Lavoro principalmente su progetti di Penetration Test/Ethical Hacking e Digital Investigation/Incident Response. Sono inoltre un Director del DSDM® Consortium.Sono inoltre impegnato in associazioni e gruppi sul Web e Sicurezza come ICAA, ISECOM, IWA, OWASP, UNI, UNINFO, W3C e WASC.Sono APMG Accredited Trainer per PRINCE2, Trained LEGO® Serious Play® Facilitator, PRINCE2® Practitioner, Agile Project Management® Practitioner (DSDM), Facilitation Practitioner, Certified ScrumMaster, ITIL®v3 Service Operations, ISO27001 Practitioner. Ho inoltre qualifiche su COBIT5® e P3O®.