#Scrum – Integrare Scrum e Agile Project Management (#AgilePM) – I ruoli di AgilePM al livello di Supporto

Uno degli aspetti più interessanti di Agile Project Management è che contiene la quasi totalità di ruoli che possono essere utili per lo sviluppo corretto di un progetto, cosa che altri framework prevedono raramente. E’ quindi l’abilità del Project Manager o comunque di chi si occupa di strutturare il team saper associare i giusti ruoli – o rimuoverli se questi non servono. Fa quindi riflettere la presenza anche dei ruoli di supporto che sono presenti solamente in momenti specifici e solo se e quando necessari.

Technical Advisor

E’ un Subject Matter Expert (SME)  che supporta il team su questioni tecniche specifiche, come alcune competenze tecniche che il team di sviluppo necessita o risolvere problemi specifici. Per esempio in un progetto di e-commerce una persona che fornisce il supporto per l’integrazione di un sistema di pagamento specifico, o una persona che si occupa di sicurezza con delle competenze specifiche che possono supportare il team a rendere il prototoddo – supponendo sempre un progetto di e-commerce – sicuro. Può supportare il team nella definizione dei requisiti, durante lo sviluppo della soluzione, nei test di accettazione, documentazione e così via.

Business Advisor

E’ un Subject Matter Expert (SME)  che supporta il team su questioni di business specifiche. Tipicamente fa parte dello stesso gruppo organizzativo del Business Ambassador e supporta la definizione dei requisiti di business, questioni legali secondo quanto necessario all’utente finale del prodotto e a chi poi ne deve trarre i benefici. Spesso supporta la stesura della documentazione lato utente.

Workshop Facilitator

Il Facilitatore è un ruolo che gestisce la parte di facilitazione degli incontri del team, catalizzando e facilitando la comunicazione. Può per esempio facilitare delle sessioni o dei workshop fornendo al team nuovi strumenti di collaborazione. Tipicamente, per la buona riuscita di una sessione, è bene che la persona che facilta sia indipendente rispetto il risultato della sessione che viene facilitata. Pertanto può essere utile – in alcuni casi – utilizzare un facilitatore esterno mentre in altri casi – e.g. i meno delicati – può fungere da facilitatore qualcuno già all’interno del team. In questo caso va però considerato da un lato l’impegno della preparazione di un workshop e che la persona non potrà eventualmente fornire contributi tecnici in maniera efficace, avendo due cappelli.

DSDM Coach

Quando il team ha un esperienza limitata nell’utilizzo del DSDM – o in generale di Agile – il Coach assume un ruolo chiave nel supporto dei membri del team per quel che riguarda l’approccio a framework specifici o all’essere agili. Tipicamente fornisce supporto notando eventuali problemi all’interno del team o dell’applicazione di una particolare tecnica e tramite la sua esperienza e conoscenza dei framework può aiutare il team a lavorare al meglio.

 

This entry was posted in Agile Project Management and tagged , by Simone Onofri. Bookmark the permalink.

About Simone Onofri

Sono un Senior IT Security Consultant e Project Manager con più di 13 anni di esperienza in ambito IT. Lavoro principalmente su progetti di Penetration Test/Ethical Hacking e Digital Investigation/Incident Response. Sono inoltre un Director del DSDM® Consortium.Sono inoltre impegnato in associazioni e gruppi sul Web e Sicurezza come ICAA, ISECOM, IWA, OWASP, UNI, UNINFO, W3C e WASC.Sono APMG Accredited Trainer per PRINCE2, Trained LEGO® Serious Play® Facilitator, PRINCE2® Practitioner, Agile Project Management® Practitioner (DSDM), Facilitation Practitioner, Certified ScrumMaster, ITIL®v3 Service Operations, ISO27001 Practitioner. Ho inoltre qualifiche su COBIT5® e P3O®.